Chi siamo

STAZIONE DI CURA CLIMATICA LUSSINGRANDE

La Casa di Cura Lussingrande trae le sue origini quasi 130 anni fa, quando nell’estate del 1885 durante la sua crociera sull’Adriatico, l’arciduca Carlo Stefano d’Asburgo, il comandante della marina austro-ungarica, aveva scelto Lussingrande come il luogo più appropriato per le sue vacanze, grazie alla bellezza del paesaggio, la vegetazione e le condizioni climatiche eccezionalmente favorevoli. Ha comprato il terreno ed è costruito il suo palazzo di soggiorno estivo/invernale, villa “Wartsee” e accanto alla quale ha realizzato un enorme giardino che è stato completato nel 1890. Nel 1886 ha iniziato la costruzione del porto Rovenska, quando l’arciduca austriaco Massimiliano d’Asburgo, il fratello minore dell’imperatore Francesco Giuseppe I, l’ammiraglio della marina austriaca e poi l’imperatore del Messico, ha posto la prima pietra per la costruzione della diga marittima. Da Rovenska alla baia di Kriška è stato fatto un lungomare di circa 3 km di lunghezza.

 

Nel 1889 la villa „Wartsee“ è stata trasformata in una stazione climatica pubblica o l’ospedale pediatrico (per i bambini scrofolosi e gracili…). Tre anni dopo, nel settembre del 1892, su proposta del dott. Conrad Clar, il pioniere del turismo della salute a Lussino e il docente di balneoterapia a Graz, e il dott. Leopold Schrötter, il professore dell’Università di medicina di Vienna e lo specialista delle malattie dei polmoni e della gola, il Ministero della Salute della monarchia austro-ungarica ha ufficialmente proclamato Lussingrande “la stazione climatica”. Lovran è stata proclamata stazione di cura climatica nel 1898, Opatija nel 1899 e Crikvenica nel 1906.

 

Dal 1893 la commissione del Ministero della Salute della monarchia austro-ungarica ha pubblicato i dati sul numero totale degli ospiti sull’isola di  Lussino, secondo cui nel 1899 il numero degli ospiti era 1566, nel 1913 il numero era 8427, e nel 1914 era 5816.

 

Da allora, il sanatorio ha ripetutamente cambiato il proprietario e lo scopo. Opera dal 1957 di continuo come un’istituzione medica, ospedale dei pediatrico e poi la Casa di Cura, e durante gli anni, qui e all’estero, ha acquisito una reputazione di un sanatorio specializzato per il trattamento delle vie respiratorie, asma, allergie e psoriasi, e per la medicina fisica e riabilitazione.

 

Secondo la classificazione dei sanatori, è una stazione di cura climatica perché la base dei suoi programmi di trattamento sono i vantaggi dei fattori naturali della zona; clima mite mediterraneo, caratterizzato da molti giorni soleggiati durante l’anno, mare e aria estremamente pulita, e boschi di pini e piante mediterranee nella zona del sanatorio e nelle vicinanze.

 

PARCO FORESTALE POD JAVORI

Il bosco Pod Javori si estende alle pendici del monte Calvario, dalla strada esistente e la cappella di San Giovanni fino alla strada per Lussingrande e fino alla zona della Casa di Cura.

 

È un area naturale protetta, un parco forestale, sulla base della decisione di designare l’area “Pod Javori” in Lussingrande come “parco forestale”, “Gazzetta del comune Cherso-Lussino” n. 1/1993.

 

Qui accanto alla sua villa, l’arciduca Carlo Stefano d’Asburgo ha realizzato un enorme giardino che è stato progettato dagli esperti giardinieri viennesi. All’interno del giardino paesaggistico in quel tempo sono state piantate circa 200 diverse specie di piante conifere e esotiche, sono state allestite le passeggiate, è stato fatto il muro di cinta ??e un sistema di irrigazione che ha garantito un rapido progresso di vegetazione. Era fatto da un serbatoio d’acqua costruito sul punto più alto che si riempiava, tramite le pompe, dal pozzo (realizzato nel 1763) situato ai piedi del giardino e al quale alla profondità di 15 metri era una fonte inesauribile di acqua, e dal sistema in cui l’acqua correva, a causa della gravità, a tutte le aree del giardino. Dal giardino originale del XIX secolo sono state conservate le tracce dalle quali si può vedere l’alto valore estetico della composizione del paesaggio; alcune parti delle passeggiate, del muro di cinta e della vegetazione del giardino e anche serbatoio d’acqua, che non funziona più.

 

Il giardino al di fuori della zona immediata della Casa di Cura non è stato mantenuto e le risorse vegetali sono principalmente la vegetazione autoctona cresciuta e il pino d’Aleppo. 

 

POSIZIONE GEOGRAFICA

La Casa di Cura Lussingrande si trova sull’isola di Lussino, nella cittadina di Lussingrande che ha circa 900 abitanti e la funzione di un centro di sviluppo locale. A livello amministrativo fa parte della cittadina Lussinpiccolo e la Regione Litoraneo-montana.  

 

La Casa di Cura è situata nel bordo occidentale della cittadina Lussingrande dal quale zona ma in direzione sud-ovest si continua il parco forestale Pod Javori. È direttamente collegata alla strada statale, la strada principale che percorre l’isola per tutta la lunghezza, che va dai porti dei traghetti a Lussingrande.

 

La Casa di Cura si trova a crica 450 metri dal centro della cittadina di Lussingrande e la distanza dal centro della cittadina Lussinpiccolo è circa 4200 metri.

 

COLLEGAMENTI DI TRASPORTO

La cittadina di Lussingrande, e dunque la Casa di Cura, è ben collegata:

  • alla strada statale che porta ai porti dei traghetti Porozina e Merag e poi prosegue attraverso l’Istria, cioè attraverso tutta l’isola di Veglia fino alla terraferma e al centro della regione, poi prosegue a Fiume e alle altre zone della Croazia, 
  • al porto Lussinpiccolo, con la linea di catamarani Fiume-Lussinpiccolo e con la linea stagionale Pola-Lussinpiccolo-Zara e
  • all’aeroporto internazionale di Veglia ad una distanza di circa 107 km e all’aeroporto internazionale di Lussinpiccolo che per il momento può ospitare gli aerei piccoli con un massimo di 45 passeggeri, gli sport aerei e ha la possibilità di voli taxi. Per arrivare agli aeroporti vicini è organizzato il trasferimento in taxi.

 

I collegamenti di trasporto esistenti saranno migliorati dopo le future aggiunte presso l’aeroporto di Lussinpiccolo al fine di ospitare gli aerei con capacità di 70 passeggeri, e a lungo termine, dopo la costruzione del porto Mrtvaska (in alternativa San Martino-Lussinpiccolo) al fine di attraccare le navi veloci che viaggiano sulla tratta Fiume-Ragusa, e con questo si farà il collegamento con le isole vicine di Arbe e Pago.

 

GEOGRAFIA FISICA

La zona della cittadina di Lussinpiccolo è una destinazione turistica che nel corso di 120 anni ha sviluppato proprio il turismo della salute e benessere.

 

È ricca delle straordinarie risorse naturali, isole e isolotti dell’arcipelago lussignano, aree agricole, paesaggi attraenti, clima mite, acqua pulita e ambiente pulito, vegetazione mediteraneea varia, parchi forestali, riserve zoologiche e monumenti naturali.

 

Il patrimonio culturale è un’altra grande ricchezza di questo territorio, dalla preistoria attraverso tutti i periodi storici, le zone storiche più importanti sono quelle di Osor e Lussinpiccolo e Lussingrande, numerosi edifici religiosi, rudine, abitazioni dei pastori, ville turistiche della fine del XIX e dell’inizio del XX secolo, ecc.

 

La posizione della Casa di Cura nella cittadina di Lussingrande, vicino alla cittadina centrale di Lussinpiccolo e che fa parte dell’arcipelago intorno a Lussinpiccolo che presenta una destinazione turistica di alto livello sull’ “isola di vitalità” e possiede una miriade di benefici che sono di particolare importanza per il funzionamento della Casa di Cura:

  • il clima mite con una stagione balneare che dura da maggio a ottobre,
  • le grandi aree delle foreste di pini e la vegetazione autoctona,
  • le bellezze naturali, il valore e le caratteristiche dell’arcipelago intorno a Lussinpiccolo, in particolare quelli coinvolti in 250 km di sentieri escursionistici e piste ciclabili, l’area di contatto del paesaggio culturale che si trova ad un pendio ai piedi della collina San Giovanni e accanto a San Nicola,
  • l’ambiente preservato, in particolare la qualità dell’aria e del mare costiero,
  • le spiagge esistenti nelle immediate vicinanze, la Casa di Cura si trova a circa 850 m dal mare e dalla spiaggia di Punta e alla stessa distanza dalla spiaggia Rovenska e a 1620 m dalla spiaggia Javorna,
  • il settore turistico esistente: sistemazione, ristorazione, strutture sportive e ricreative, benessere e stabilimenti balneari della zona, in particolare quelli all’albergo Punta a Lussingrande e agli alberghi nella baia di Čikat e nella baia di Sunčana,
  • monumenti storici e culturali ed eventi culturali sull’isola,
  • Lussingrande e Lussinpiccolo e altri borghi storici dell’isola con le sue caratteristiche ambientali e servizi centrali che includono strutture pubbliche culturali, religiose, alberghiere, di servizi e altre,
  • le attività agricole che fanno parte dell’arcipelago intorno a Lussinpiccolo e che sono concentrate sulla produzione del cibo sano, biologico e ecologico ??che viene venduto ai ristoranti sull’isola e la pesca e molluschicoltura, anche come un tipo di cibo sano.

 

Nella Casa di Cura Lussingrande un gran numero dei turisti nazionali e stranieri unisce l’utile al dilettevole e con i benefici del  microclima, sole e mare utilizzano i servizi di riabilitazione medica sotto la supervisione di uno specialista in medicina fisica e riabilitazione e di uno specialistica dermatologo e venereologo.

 

Adesso, la Casa di Cura Lussingrande è un istituto di cura il cui fondatore e proprietario è la Regione Litoraneo-montana. La Casa di Cura è il successore legale dell’Ospedale pediatrico per il trattamento delle malattie allergiche con il reparto per gli adulti che lavorava fino al 1994. Dal 2005 la Casa di Cura ha un contratto con l’ECAS per il trattamento dei bambini con asma e adulti con artrite psoriasica. Si investe continuamente nell’acquisizione di nuove attrezzature sanitarie per migliorare la qualità della sistemazione.

 

Di seguito vi presentiamo una panoramica dei fattori curativi naturali nella Casa di Cura Lussingrande sulla base di studi scientifici. 

 

IL CLIMA

Il clima è un fattore marittimo molto importante per la guarigione. Le condizioni climatiche favorevoli (temperatura, pressione, umidità e formazione del vento) hanno un effetto benevole sul corpo umano. Sulla base delle osservazioni meteorologiche della stazione meteorologica ordinaria (climatologica) Lussingrande (f = 44 ° 49′N, l = 14 ° 31′E, Hs = 50 m) dal 1981 al 1991 è stato fatto un diagramma climatico e bioclimatico della Casa di Cura Lussingrande. La temperatura media annua è di 14,4 ° C, di febbraio, il mese più freddo, è  6,3 °C e di luglio, il mese più caldo, è 24,0 °C.

 

La pressione atmosferica media annua ha un valore di 1009,9 hPa e varia dai 1007,3 hPa nel mese di aprile ai 1012,4 hPa nel mese di gennaio.

 

L’umidità relativa media annua  fa registrare il valore di 80% con minimo di 71% a luglio e massimo di 84% a ottobre e a dicembre. Ci sono 78 giorni di pioggia all’anno con precipitazioni di  ³ 1mm. La precipitazione totale annua è di 912 mm, con la più alta quantità a ottobre (118 mm) e a novembre (121 mm). I venti che prevalgono sono il nord-nord-est (NNE), il sud (S) e l’ovest-sud-ovest (WSW) e il maestrale. Il stato di quietesenza vento, è presente il 40% al mattino e alla sera d’autunno, il 50% d’estate e il 35% d’inverno. I venti che prevalgono dal 65-70% sono quelli deboli (1-3 Beaufort) il grecale e lo scirocco, e nel pomeriggio d’estate il maestrale. I venti moderati (4-5 Beaufort) soffiano nel 10% del totale dei giorni d’inverno e di primavera. I venti forti (6-7 Beaufort) sono più comuni durante l’inverno nel 2% del totale dei giorni. I tornadi di 8 Beaufort sono stati registrati principalmente durante l’inverno ma solamente negli alcuni anni.

 

In base alla temperatura dell’aria, la velocità del vento e l’umidità viene calcolato l’indice biometeorologico (TWh) che è importante per la sensazione termica dell’uomo. L’indice calcolato per le ore 7, 14 e 21 durante un anno a Lussingrande (Ivanisevic G. Plesko N., 1997) mostra che è:

 

Freddo per tutto il giorno nei secondi dieci giorni di febbraio, al mattino e alla sera di gennaio, febbraio e nei primi dieci giorni di marzo, nei primi dieci giorni di dicembre e negli ultimi dieci giorni di dicembre, nel pomeriggio dei primi dieci giorni d’aprile.

 

Fresco per tutto il giorno nei secondi e terzi dieci giorni di marzo, nei secondi dieci giorni d’aprile, novembre e dicembre, il pomeriggio di gennaio, novembre e dicembre, nei primi dieci giorni di febbraio e negli ultimi dieci giorni di febbraio, nei primi dieci giorni di marzo, negli ultimi dieci giorni di dicembre, al mattino e alla sera dei primi e ultimi dieci giorni d’aprile e negli ultimi dieci giorni d’ottobre.

 

Piacevole per tutto il giorno nei primi e nei secondi dieci giorni di maggio e ottobre, al mattino e alla sera negli ultimi dieci giorni di maggio, nei primi e nei secondi dieci giorni di giugno, a settembre e nei primi e nei secondi dieci giorni d’ottobre, nel pomeriggio nei secondi dieci giorni di maggio e negli ultimi dieci giorni d’ottobre.

 

Tiepido nel pomeriggio degli ultimi dieci giorni di maggio e ottobre, nei primi e nei secondi dieci giorni di giugno, al mattino e alla sera dagli ultimi dieci giorni di giugno agli ultimi dieci giorni d’agosto.

 

Caldo nel pomeriggio dagli ultimi dieci giorni di giugno ai secondi dieci giorni di settembre.

 

Molto caldo negli ultimi dieci giorni di luglio e nei secondi dieci giorni d’agosto.

 

L’ARIA

L’aria è un fattore marittimo molto importante per la guarigione. La prova dell’aria pulita è il fatto che è stato raccomandato come un luogo per praticare il turismo della salute e benessere. A  Lussingrande dal 1 maggio 1986 al 30 aprile 1992 è stata misurata la concentrazione di SO2, fumi e solidi sedimentabili riportate nella Tabella 1.

 

Sulla base dei dati ottenuti dopo sei anni delle analisi della qualità d’aria a Lussingrande si può dedurre:

1.   L’aria di Lussingrande ha una piccola quantità degli elementi analizzati: l’anidride solforosa, i fumi e i solidi sedimentabili.

2.   Il monitoraggio giornaliero della concentrazione dell’anidride solforosa e dei fumi indica che l’aria è pulita e soddisfa i criteri necessari dell’aria di alta qualità nelle zone ricreative, turistiche e quelle specialmente protette.

3.   L’aria di alta qualità soddisfa le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, e l’esposizione permanente non può causare gli effetti negativi sull’uomo e sull’ambiente.

4.   Le medie ottenute sono entro i valori ottenuti nelle zone rurali d’Europa.

5.  La media quantità annua dei solidi sedimentabili è bassa e al di sotto del limite di inquinamento atmosferico.

 

ALTA QUALITÀ DEI FATTORI CURATIVI DI LUSSINO

La temperatura del mare piacevole, la limpidezza dell’acqua e l’assenza delle sostanze dannose sono gli elementi di base per avere un effetto favorevole dell’acqua di mare al corpo umano. La temperatura del mare (Pleško N. 1997) e le località dove sono state effettuate le analisi della qualità sanitaria sono riportate nelle Tabelle 3 e 4.

 

La radiazione solare rigorosamente controllata, raggi infrarossi (IR) e ultravioletti (UV), sono benefici per la crescita e lo sviluppo dei bambini, la riabilitazione e la ricreazione degli adulti. La durata del soleggiamento è stata misurata nella stazione meteorologica a Lussinpiccolo (Pleško N. 1997). I dati sono riportati nella Tabella 5.

 

I valori empirici dell’applicazione dei fattori terapeutici marittimi a Lussingrande vengono raccomandati per il loro uso nella medicina croata, nel turismo della salute e benessere.

 

A causa degli effetti favorevoli del clima lussignano alle vie respiratorie, nell’istituzione è stata effettuata un’analisi su 1058 pazienti che sono stati trattati secondo il metodo scientifico pertinente.

 

I risultati ottenuti analizzando il successo del trattamento, a seconda del gruppo, mostrano un alto tasso di successo che varia da 71,36 % a 89,07 % e riassume tutte le precedenti analisi e i loro risultati sono come segue:

  • il successo della talassoterapia nei bambini con la broncopneumopatia cronica ostruttiva è grande
  • non c’è una differenza significativa nel successo di trattamento tra i pazienti con asma e bronchite, o tra ragazzi e ragazze
  • il successo è uguale tra i bambini piccoli e grandi
  • il successo è significativamente più grande nei pazienti lievi
  • la ripetizione del trattamento può avere un impatto positivo sul successo

 

 

Tabella 1  Sintesi dei dati di concentrazione di SO2 , fumi e solidi sedimentabili misurati dal 1 maggio 1986 al 30 aprile 1992.

 

(= numero delle misure condotte, = concentrazione media annua, Cm = concentrazione massima di 24 ore nell’arco di un anno, C95 = concentrazione che è più alta che il 95% dei valori misurati; = la media quantità annua dei solidi sedimentabili, Xm = la quantità massima mensile di solidi sedimentabili)

 

SINTESI DEI DATI DI CONCENTRAZIONE DI SO2, FUMI E SOLIDI SEDIMENTABILI

Anno

SO2

(mg/m3)

Fumi

(mg/m3)

Solidi sedimentabili

(mg/m3al giorno)

 

N

C

Cm

C95

N

C

Cm

C95

N

X

Xm

1986/87

361

15

74

42

363

6

39

16

11

182

328

1987/88

350

16

193

52

361

4

31

10

9

102

149

1988/89

331

18

77

42

336

4

20

10

8

104

236

1989/90

362

36

311

100

363

6

28

14

10

107

193

1990/91

363

20

49

36

363

3

21

8

12

146

271

1991/92

360

12

42

26

366

3

22

8

11

140

355

Fonte: L’analisi del 1992.

 

Per confrontare i dati di inquinamento atmosferico ottenuti sono stati determinati i valori limite riportati nella Tabella 2:

a)   I valori limite per gli inquinanti atmosferici a lungo termine è un indice delle concentrazioni medie annuali ammissibili degli inquinanti che sono consentiti a lungo termine nel periodo di un anno, cioè la misura dell’esposizione totale dei recettori.

 

b)   I valori limite per gli inquinanti atmosferici a breve termine è un indice delle massime concentrazioni ammissibili degli inquinanti che non devono essere superati nel 95% del tempo nel periodo di un anno, che è una misura dell’esposizione acuta dei recettori.

 

Tabella 2 I valori limite per gli inquinanti atmosferici nella zona della Casa di Cura Lussingrande

I VALORI LIMITE PER GLI INQUINANTI ATMOSFERICI DELLA CASA DI CURA LUSSINGRANDE

SO2 (mg/m3)

Fumi (mg/m3)

Solidi sedimentabili(mg/m3al giorno)

C

Cm

C95

C

Cm

C95

X

Xm

I valori limite preferiti per gli inquinanti atmosferici (riguardo le persone, 1991)

 

 

50

125

 

50

125

 

 

 

I valori limite preferiti per gli inquinanti atmosferici (riguardo la vegetazione, 1991)

 

 

30

100

 

 

 

 

 

 

I valori limite per gli inquinanti atmosferici (1991)

110

 

300

60

 

160

450

800

I valori limite rigorosi per gli inquinanti atmosferici

60

 

150

40

 

90

 

 

 

 

 

 

 

 

I valori limite totali per gli inquinanti atmosferici

 

 

 

 

 

 

350

65

C

Cm

C95

C

Cm

C95

X

Xm

Fonte: L’analisi del 1992.

 

Tabella 3 La temperatura (T) del mare (Lussinpiccolo 1981-1994)

LA TEMPERATURA DEL MARE

Mese

T del mare °C

Mese

T del mare °C

gennaio

12.3

luglio

23.2

febbraio

11.8

agosto

23.6

marzo

12.1

settembre

21.6

aprile

14.0

ottobre

19.2

maggio

16.6

novembre

16.3

giugno

20.5

dicembre

13.9

La T annuale media del mare

17.0

 

Tabella 4 Le analisi della qualità sanitaria delle acque di mare dell’isola di Lussino

LE ANALISI DELLA QUALITÀ SANITARIA DELLE ACQUE DI MARE DELL’ISOLA DI LUSSINO

Stazione di monitoraggio

Numero delle analisi

 

1995.

1996.

1997.

Lussingrande – la spiaggia al nord dell’albergo Punta

3

6 (5)

5

Sotto l’Ospedale pediatrica

3

6 (5)

5

Fonte: Le analisi del 1995, 1996, 1997